Caserecce al pesto di noci

Primo piatto facile e gustoso, si può preparare anche all’ultimo momento per un ospite improvviso, lo stupirete sicuramente, io l’ho preparato per le casarecce ma potete usare la pasta che più vi piace, il pesto di noci sta bene con tutto!

Ingredienti:

Ingredienti per 4 persone

320 di pasta tipo caserecce

200 gr di panna

prezzemolo q.b.

Per il pesto:

100 gr di gherigli di noci

50 gr di pecorino grattugiato

50 gr di parmigiano grattugiato

30 gr di pinoli

1/2 spicchio di aglio

100 gr di olio extra vergine di oliva

1 pizzico di sale

pepe nero q.b.

Preparazione:

Nel frattempo che la pasta cuoce, in un robot da cucina inseriamo tutti gli ingredienti che serviranno per il pesto e frulliamo fino ad ottenere una crema omogenea e compatta, prepariamoci anche una padella e la panna, scoliamo le caserecce al dente e versiamole nella padella, uniamo il pesto e la panna e infine la pasta, facciamola saltare con il condimento e impiattiamo, completiamo con qualche gheriglio di noce e una manciata di prezzemolo tritato.

Se il pesto risultasse liquido aggiungiamo ancora del parmigiano o pecorino a seconda dei gusti.

Focaccia di Carnevale Salentina “Fucazza”

Si prepara durante il periodo del Carnevale nella zona del Salento, buonissima e ideale come piatto unico, ovviamente si può gustare in ogni periodo dell’anno.

Ingredienti:

Per l’mpasto:

200 gr di acqua

10 gr di lievito di birra fresco

380 gr di farina 0

1 cucchiaino colmo di sale

olio extravergiene di oliva q.b.

Per il ripieno:

100 gr di cipolla a pezzi

40 gr di olio extravergine di oliva

400 gr di carne trita di maiale

1 pizzico di sale

1 pizzico di pepe nero macinato

Per terminare la preparazione:

olio extravrgine di oliva q.b.

6 pomodorini pelati sgocciolati e tagliati a filetti

150/200 di mozzarella tagliata a fettine

60 gr di pecorino a fettine

Preparazione:

Mettiamo nel boccale l’acqua e il lievito di birra e sciogliamo 3 min./37° vel 2, uniamo la farina e il sale e impastiamo 3 minuti spiga, trasferiamo l”mpasto in una ciotola unta di olio extravergine di oliva, copriamo con una pellicola trasparente e lasciamo lievitare per circa 2 ore. Nel frattempo prepariamo il ripieno, mettiamo nel boccale la cipolla e tritiamo 5 sec./vel./ 7 con la spatola riuniamo sul fondo, aggiungiamo l’olio extravergine di oliva e insaporiamo 3 min./varoma/vel.2, uniamo la carne, il sale e il pepe e cuociamo 15 min/100°c.vel,spiga, scoliamo dal liquido in eccesso e trasferiamo tutto in una ciotola e teniamo da parte. Preriscaldiamo il forno a 220°, ungiamo una teglia del diametro di 30/32 cm con abbondante olio extra vergine di oliva. Riprendiamo l’impasto e dividiamolo in due parti ( una 2/3 e l’altra di 1/3, con l’aiuto del matterello stendiamo il primo disco e disponiamolo sul fondo della teglia in modo che fuoriesca dai bordi, distribuiamo sopra il composto di carne e cipolla e sopra i filetti pomodoro, le fettine di mozzarella e il pecorino. Stendiamo il secondo disco di pasta e copriamo il ripieno sigillando i bordi della focaccia. Pratichiamo dei taglietti sulla superfice della pasta, in modo che durante la cottura fuoriesca il vapore, spennelliamo la focaccia con dell’olio. Cuociamo in forno a 220° per 15 minuti, poi abbassiamo la temperatura a 180° per altri 25/30 minuti, sfornare e servire tiepida.

Preparata con il Bimby, ma per chi non la possiede si può preparare anche a mano.

Treccia Pasquale salata

Ideale per nostre gite fuori porta e anche se quest’anno la Pasquetta la trascorremo a casa prepariamola lo stesso sarà comunque buonissima accompagnata da formaggi, salumi e vino della nostra Regione.

11

Ingredienti:

500 gr di farina 00 + quella per la spianatoia

250/300 di acqua tiepida

10 gr di sale

3 uova sode

8/10 gr di lievito o in mancanza 200 gr di  pasta di riporto

soppressata calabrese o altro salame q.b. a cubetti

caciocavallo silano q.b. a cubetti

pecorino  q.b. a cubetti

parmigiano q.b. a cubetti

provolone a cubetti q.b.

pepe q.b.

olio extravergine di oliva q.b.

Preparazione:

Nella ciotola della planetaria munita di gancio impastatore versiamo metà dell’acqua  uniamo il lievito e facciamolo sciogliere lentamente, uniamo man mano la farina e 30 gr di olio di olio extravergine di oliva, la rimanente acqua regolandoci se serve tutta e per ultimo il sale e un bel pò di pepe nero, lavoriamo bene l’impasto quando si attaccherà al gancio sarà pronto. Mettiamolo a lievitare in una ciotola per almeno 3 ore se usiamo la pasta di riporto (avrà bisogno di più tempo per la lievitazione) , basteranno 2 0re se avremo usato il classico lievito. Quando l’impasto sarà raddoppiato di volume capovolgiamolo sulla spinatoia e dividiamolo in tre e con il mattarello otteniamo tre triangoli, nel frattempo avremo preparato il nostro ripieno a base di formaggi e salumi tagliati a cubetti, quindi distribuiamolo sui triangoli e formiamo dei filoncini, sigilliamoli per bene e formimo la nostra treccia, nel frattempo avremo anche bollito le uova quindi adagiamole sulla treccia creando un piccolo buco, con qualche residuo di pasta decoriamolo le uova formando una croce simbolo della Pasqua. Adagiamo la treccia su una teglia coperta di carta forno e lasciamo lievitare ancora per 1 ora coperta da una canovaccio. Trascorso il tempo pennelliamola con olio extravergine di oliva e una spolverata di pepe, forno a 180° per almeno 40 minuti a seconda del forno, deve risulatare bella dorata.

Gustiamola con degli ottimi salumi e formggi della nostra tradizione e buon bicchiere di vino rosso.

Il tutto si può preparare anche a mano.

La pasta di riporto si ottine prelevando un pezzo di pasta dalla preparazione dell’impasto del pane o della pizza, lo si tiene in un barattolo  di vetro in frigo, se non si usa dopo 3/4 giorni si deve rigenerare com si fà con il lievito madre.

iPiccy-collage

Torta rustica Pasquale di Nonna Adele

La torta rustica Pasqualina è la ricetta antica di mia nonna Adele che preparava per il giorno della Pasquetta, il suo profumo e il suo sapore mi ricordano la mia infanzia e tutte le feste Paquali trascorse insieme, non ho una sua ricetta scritta ma la amo così tanto che sono riuscita a ricordare tutti gli ingredienti e a dosarli equamente, i prodotti della nostra Calabria gli conferiscono un sapore unico, ideale per le scampagnate, prepariamola per il lunedì  dell’Angelo gustandola con un ottimo bicchiere di vino rosso della mia Calabria.

t1

Ingredienti:

Per la pasta di pane

500 gr di farina 00

300 ml di acqua

10/12 gr di lievito i birra

2 cucchiaini di sale

Per il ripieno:

500/600 gr di ricotta vaccina

50 gr di pecorino grattugiato

50 gr di parmagiano grattugiato

200 gr si salumi misti (io sopressata e salsiccia)

200 gr di formaggi misti 

(io caciocavallo silano e pecorino locale semistagionao)

2 uova + 4 da sgusciare nel ripieno +1 per spennellare

pepe nero q.b.

prezzemolo tritato q.b.

sale q.b.

olio extra vergine di oliva q.b.

1 noce di burro

Preparazione:

Prepariamo la pasta di pane, nella ciotola della planetaria con gancio impastatore inseriamo l’acqua e il lievito, lasciamo sciogliere a bassa velocità qualche secondo, uniamo la farina e il sale e lavoriamo qualche minuto, formiamo una palla e lasciamola lievitare 2/3 ore.

Possiamo impastarlo anche a mano.

Nel frattempo prepariamo il ripieno, mettiamo in una ciotola la ricotta con un pizzico di sale e un filo d’olio e lavoriamola ma non troppo, uniamo il prezzemolo tritato, il pepe, le due uova e malgamiamo bene il tutto, infine uniamo i formaggi e i salumi precedentemente tagliati grossolanamente, mescoliamo ancora e teniamo da parte.

Dividiamo l’impasto in due parti, stendiamo un primo disco e sistemiamolo in una teglia  a cerniera ben  oleata, versiamo dentro il ripieno, livelliamolo e formiamo degli incavi sgusciamo dentro le rimanenti uova condiamole con un pizzichino di sale e di burro, stendiamo l’altro disco e copriamo la torta, chiudendo bene i bordi per non fare fuoriuscire il ripieno, sbattiamo l’ultimo uovo (solo il rosso) con un pò di latte e spennelliamo la superfice della torta.

Forno a 180° per 35/40 minuti a seconda del forno.

iPiccy-collage1

Spaghettini con friggitelli,datterini gialli, granella di pecorino e peperoncino di Cayenna

Questa estate il mio orticello mi ha regalato un infinità di friggitelli, mi sono sbizzarrita con tantissime ricette…questa degli spaghettini è quella che in assoluto mi ha dato grandi soddisfazioni, un piatto veloce, sfizioso, colorato, il pecorino sposa benissimo con il dolce dei datterini e il pepe di Cayenna coltivato sul mio terrazzo gli conferisce un piccante che mette allegria, ho abbinato a questo primo piatto un vino della mia terra Cirò bianco Librandi.

Saghettini1

Ingredienti:

320 gr di spaghettini

400 gr di friarielli

12/15 datterini gialli

1 aglio

olio extravergine di oliva

sale q.b.

basilico q.b.

granella di pecorino q.b.

peperoncino di cayenna q.b.

 

Preparazione:

Laviamo i friggitelli, asciughiamoli e togliamo loro il picciolo e i semi e dividiamoli in quattro,  in una padella rosoliamo l’aglio (poi togliamolo) , uniamo i friggitelli e facciamoli saltare qualche minuto, laviamo i datterini, tagliamoli a metà e aggiungiamoli ai peperoni, regoliamo di sale, appena saranno morbidi spegniamo. Nel frattempo cuciamo in acqua salata  gli spaghettini al dente, trasferiamoli nella padella del condimento e saltiamola un istante, impiattiamo e completiamo il piatto con il basilico fresco, la granella di pecorino e tanto peperoncino di Cayenna.

iPiccy-collage

03_cirobianco_0

Garganelli paglia e fieno all’uovo con pesto di fave

Questo è il periodo in cui abbondano le fave…allora sbizzarriamoci a preparare gustose ricette, con il pesto si possono condire tutte i tipi di pasta, io ho utilizzato i garganelli paglia e fieno all’uovo e ne è venuto fare un piatto colorato e gustosissimo.

Garganelli1 - Copia

Ingredienti per 4 persone:

500 gr di garganelli paglia e fieno all’uovo

300 gr di fave fresche sgranate

1 spicchio di aglio

menta fresca q.b.

2 cucchiai abbondanti di pecorino romano

100 gr di gunciale possibilmnte casareccio

olio extra vergine di oliva 

sale e pepe q.b.

peperoncino facoltativo

Preparazione:

Sbucciamo le fave ed eliminiamo la pellicina esterna, laviamole e teniamone qualcuna da parte per la decorazione, inseriamole nel mixer uniamo lo spicchio d’ aglio sbucciato, il formaggio, le foglioline di menta ed un cubetto di ghiaccio che servirà a dare al pesto un colore verde, aggiungiamo anche l’olio e  regoliamo di sale e pepe, avviamo il mixer fino ad ottenere un composto cremoso. Affettiamo a listarelle il guanciale e rosoliamolo in un padellino con l’olio finchè non risulterà croccante, cuociamo i garganelli in acqua salata e scoliamoli al dente, versiamoli nella ciotola del pesto, amalgamiamo il tutto e decoriamo il piatto con le rimanti fave fresche, pepe nero, foglioline di menta e il guanciale croccante.

Ho abbinato a questo piatto un vino Siciliano “Etna Rosato Doc” adatto a questi sapori.

 

iPiccy-collage

 

 

 

 

 

Casatiello Napoletano

Il Casatiello è un tipico rustico della tradizione partenopea profumato e dal gusto unico, a Pasqua fa bella mostra di sè su tutte le tavole dei napoletani, gustosissimo da mangiare con salumi, formaggi e ricotta,se avanza è ottimo da portare al pic nic della Pasquetta.

1cas1

Ingredienti:

250 gr di farina manitoba

250 gr di farina tipo 1 (anche la 00 va bene)

5 gr di lievito

100 gr di strutto

250 ml di acqua

un pizzico di sale

pepe

Per la farcia:

100 gr di salame napoletano

100 gr di provolone

50 gr di pecorino

pepe nero

sale

Per guarnire 4 uova

Preparazione:

Nella ciotola della planetaria munita di gancio impastatore, inseriamo le farine l’acqua e un pizzico di sale e di pepe, facciamo girare fino a quando non si amalgama il tutto, alla fine aggiungiamo il lievito sciolto in un pò di acqua tiepida e finiamo di impastare, rovesciamo l’impasto sulla spianatoia e formiamo una palla, incidiamo su un segno a croce e lasciamo lievitare in frigo 12 ore, io l’ho preparato la sera per la mattina, quindi la mattina successiva tiriamolo fuori e lasciamolo lievitare a temperatura ambiente fino a quando non avrà raddoppiato il suo volume. Nel  frattempo tagliamo a cubetti sia il salame che il provolone e teniamolo da parte. Una volta lievitato stendiamo l’impasto ricordandoci di tenerne un pezzetto da parte per le decorazioni, spennelliamo l’impasto steso con un pò di strutto e copriamoli con i cubetti di salame e provolone, spolverizziamo il pecorino e un altro pizzico di pepe. Chiudiamo la pasta facendola rotolare su se stessa e ricaviamo un bel filone, che chiuderemo a ciambella. Ungiamo una teglia col buco e adagiamo la ciambella di pasta, facciamo 4 buchi in ognuno a sistemiamo un uovo ben lavato e asciugato decoriamoli con delle strisce di pasta a croce. Lasciamo lievitare ancora fino a quando non avrà quasi raggiunto il bordo della teglia, ci vorranno altre due ore, cuciamo in forno a 180° per almeno un’ora.

Il tutto si può preparare anche a mano.

iPiccy-collage

Polpette di salsiccia con cuore di scamorza

Prepariamo queste deliziose polpette per il martedì grasso,ultimo giorno di Carnevale prima delle Sacre Ceneri, accompagniamo questo secondo con un buonissimo contorno di cime di rapa saltate in padella e un ottimo bicchiere di vino casereccio.

Polpette di salsiccia1

Ingredienti:

500 gr di pasta di salsiccia

mollica di pane raffermo ammollata q.b.

1 aglio piccolo

50 gr di parmigiano grattugiato

50 gr di pecorino grattugiato

2 uova

una manciata di prezzemolo tritato

una manciata di basilico tritato

olio extra vergine di oliva

sale e pepe q.b.

120 gr di scamorza affumicata

Preparazione:

Mettiamo in ammollo il pane nell’acqua, appena pronto strizziamolo per bene e poniamolo in una ciotola insieme alla pasta di salsiccia, uniamo i formaggi, l’aglio tritato finemente, il prezzemolo e il basilico, le uova  e regoliamo di sale (senza esagerare perchè la salsiccia è già saporita) e pepe, amalgamiamo il  tutto fino ad avere un composto ben impastato, tagliamo a cubetti la scamorza e teniamola da parte. Preleviamo un pò di impasto e formiamo le polpette al centro di ognuna posizioniamo un cubetto di scamorza, continuiamo fino ad esaurimento del composto, In una larga padella facciamo scaldare l’olio extra vergine di oliva e quando sarà ben caldo friggiamo le polpette fino a quando non saranno belle dorate, fritte nell’olio extra vergine saranno ancora più buone. Serviamole calde con un contorno di rape saltate in padella, sono buone anche fredde e adatte per un buffet.

iPiccy-collage1

iPiccy-collage2

Pesto di salvia

Un condimento veramente semplice e veloce da realizzare, ma molto salutare per le sue proprietà antinfiammatorie, balsamiche e digestive !

Salvia 1

Ingredienti per 4 persone:

50 foglie salvia gigante o normali
50 gr di pecorino grattugiato
50 gr di pinoli
Olio extravergine di oliva q.b.
Sale e pepe q.b

Preparazione:

Laviamo le foglie di salvia e lasciamole asciugare su della carta da cucina, una volta asciugate inseriamole spezzettate nel mixer insieme al pecorino, i pinoli, l’olio e frulliamo il tutto infine regoliamo di sale e pepe. Se non lo usiamo subito ricopriamolo di olio e teniamo in frigo massimo fino al giorno dopo.
Ottimo per condire la pasta e carni e pesce arrostiti.

 

1

IMG_6637

Salvia 1

Agnello al forno alla Calabrese

Un classico della nostra cucina che si prepara tutto l’anno, ma a Pasqua non può mancare sulle nostre tavole, simbolo di innocenza e sacrificio !

Teglia agnello

Ingredienti per 4 persone:

1 Kg di Agnello

1 cipolla di Tropea media ( al momento si trovano quelle a mazzo freschissime)

1/2 kg di piselli surgelati

4 carciofi medi

mollica di pane sbriciolata q.b. ( 200 gr circa)

100 gr di pecorino grattugiato

1  e 1/2 bicchiere di vino rosso

timo

salvia

maggiorana

olio extra vergine di oliva

sale e pepe q.b.

 

Preparazione:

Un paio di ore prima della preparazione, mettiamo a macerare l’agnello tagliato a pezzi e salato con l’aggiunta di un bicchiere di vino rosso

1

nel frattempo puliamo i carciofi e ricaviamone i cuori che taglieremo a fette non molto sottili, in una larga pentola facciamo rosolare la cipolla tagliata a tocchetti  e aggiungiamo i carciofi  e i piselli, regoliamo di sale facciamo cuore fino a quando le verdure non saranno tenere.

3

 

In un’altra pentola mettiamo a rosolare nell’olio l’aglio che poi toglieremo e aggiungiamo i pezzi dell’agnello, rosoliamo e sfumiamo con il restante vino, regoliamo di sale se necessario e pepiamo, proseguiamo la cottura per qualche minuto e aggiungiamo anche i carciofi e piselli, mescoliamo bene il tutto e lasciamo ancora cuocere per qualche minuto.

2

Nel frattempo prepariamoci la mollica sbriciolata, dove metteremo il pecorino e  le erbe tagliate grossolanamente, amalgamiamo il tutto

5

 

prepariamoci una teglia da forno e facciamo un primo strato di mollica, adagiamo su la carne con i piselli e i carciofi, ancora mollica e carne e procediamo così fino ad esaurimento degli ingredienti, terminiamo con la mollica e un filo di olio a crudo.

Forno a 180°  fino a quando non i sarà formata la crosticina!

Teglia agnello

 

Da gustare con un ottimo vino rosso Calabrese!