Muffin con marmellata di arance homemade

Sublime colazione con i Muffin e marmellata di arance preparata in casa, il momento più bello per iniziare alla grande la nostra giornata, pochi ingredenti che in genere ci ritroviamo sempre in casa e il gioco è fatto !

marmellata di arance

 

Muffin1

Ingredienti:

350 gr di farina 00
180/200 gr di zucchero semolato
2 uova intere
200 ml di latte
1 pizzico di sale
100 gr di burro fuso
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di bicarbonato (facoltativo)
zucchero a velo q.b.

confettura di arance q.b. (va bene anche industriale)

 

Preparazione:

Il trucco per avere dei buoni Muffin sta nel preparare prima gli ingredienti in polvere e poi aggiungere quelli liquidi e nel non lavorare molto l’impasto, detto questo in una ciotola inseriamo la farina setacciata con il lievito (ed eventualmente il bicarbonato) in un’altra mettiamo gli ingredienti umidi, le uova con lo zucchero, i il pizzico del sale, il burro fuso e man mano anche il latte ( potrebbe servirne di meno) lavoriamo il composto fino ad avere un impasto omogeneo  uniamo le polveri e amalgamiamo il tutto. Riempiamo per 2/3 i pirottini, e sopra adagiamo un cucchiaino abbondante di marmellata, poi scenderà da sola, io ho usato i pirottini quelli rigidi (si possono usare quelli di carta e inserli nella teglia dei muffin) e inforniamoli in forno già caldo a 180° per 20 minuti a seconda del forno. 

 

Castagnole morbide all’alchermes

Ricetta delle castagnole semplicissima da preparare a mano o con un robot da cucina, si possono anche infornare ma a Carnevale non possiamo privarci del fritto.

Ingredienti:

80 gr di burro

100 gr di zucchero semolato

2 uova

300 gr di farina 00

1 cucchiaino abbondante di lievito per dolci

mezzo bicchiere di alchermes (circa 100 gr)

olio di semi di arachidi q.b.

zucchero semolato per immergere le castagnole q.b.

Preparazione:

Montiamo nella ciotola della planetaria ( o robot da cucina o Bimby) il burro morbido, le uova e lo zucchero, quando il composto diventerà bello spumoso uniamo la farina e il lievito setacciati e lavoriamo qualche minuto, con il composto ottenuto formiamo delle palline di circa 20 gr e froggiamole in abbondante olio di semi di arachidi poco alla volta, quando diventeranno dorate sono pronte. Lasciamole scolare su della carta per fritti e lasciamole intiepidire, prepariamo l’alchermes e immergiamo le castagnole una alla volta e poi rapidamente nello zucchero semolato.

Pesche dolci

Per realizzare queste magnifiche pesche dolci per la base ho seguito la ricetta di Sonia Peronaci bravissima chef , sono morbidissime e si sciolgono in bocca, per la crema ci possiamo sbizzarrire come vogliamo io ho preparato la mia ricetta alla vaniglia, possiamo anche optare per la crema al cioccolato o addirittura bigusto, sono sempre eccezionali.

Ingredienti:

375 gr di farina 00

100 gr di burro a temperatura ambiente

3 uova medie a temperatura ambiente

125 gr di zucchero semolato

1 bacca di vaniglia

8 gr di lievito in polvere per dolci

1 pizzico di sale

Crema pasticcera alla vaniglia

Foglioline di menta o le trovi nei negozi per dolci

Pirottini di carta

Per la bagna:

300 gr di Alchermes

Preparazione:

Preparariamo le cupolette, nella ciotola della planetaria (oppure tutto a mano o con sbattitore elettrico) inseriamo il burro e lo zucchero e lavoriamo qualche minuto fino ada ottenere un composto chiaro e spumoso, continuiamo inserendo le uova, la vaniglia e il pizzico di sale, per ultimo versiamo la farina e il lievito setacciati, lavoriamo fino ad ottenere un composto liscio e omogenio. Versiamo l’impasto sulla spianatoia e ricaviamone delle palline del peso di 25 gr l’una , disponiamole sulla leccarda del forno otterremo circa 28 palline, inforniamo a 175° per 15 minuti, le palline devono solo dorarsi. Sforniamole e facciamole intiepidire, quando sono ancora calde creiamo un incavo. Nel frattempo che le palline cuociono prepariamo la crema pasticcera come da mia ricetta ( o prepariamo la nostra) mettiamo nella sac a poche e teniamo in frigorifero. In un piatto prepariamo l’alchermes e in un altro lo zucchero semolato, riempiamo ora le semisfere con la crema pasticcera (io abbondo) e uniamole come per formare un bacio, intingiamole nell’alchermes velocemente per non farle ammormidire troppo e poi nello zucchero semolato , adagiamole nel pirottino di carta e decoriamole con una fogliolina di menta o comprate nei negozi per dolci, facciamole riposare prima di servirle.

Preparazione:

Turdiddri( ricetta alternativa)

Li definisco alternativi perchè per me i turdiddri classici sono solo questi

Turdilli calabresi (ricetta antica)

ma la versione con l’uovo ha anche il suo perchè e piacciono ai bambini, io preparo sempre le due versione …vanno a ruba emtrambi !

Ingredienti:

250 gr di farina 00

200 gr di farina 0 + altre 50 gr se l’impasto lo richiede

2 uova

1/2 bicchiere di strutto

1 pizzico di sale

1 bicchiere di latte

1/2 bustina di lievito

2/3 cucchiai di zucchero

1 arancia la scorza

cannella q.b.

miele q.b.

olio di semi di arachidi per friggere

Preparazione:

Versiamo sulla spianatoia la farina, buco al centro e inseriamo le uova , lo zucchero e sbattiamole, uniamo man mano tutti gli altri ingredienti, lavoriamo energicamente fino ad ottenere un impasto morbido. Ricaviamo dei filoncini larghi quanto un dito e tagliamo la pasta a pezzetti, a questo punto con l’attrezino degli gnocchi formiamo i turdiddri, in pratica uno gnocco più grande, friggiamoli nell’olio ben caldo ma continuiamo la cottura a fuoco basso, fino a quando non saranno cotti all’interno. Facciamo perdere l’olio in eccesso adagiandoli mano mano su della carta da cucina, una volta raffreddati in una padella riscaldaimo il miele e tuffiamoci i turdiddri, quando saranno ben ammielati adagiamoli su di un piatto da portata, mi piace spolverizzarci sopra dello zucchero semolato ma è facoltativo.

Dolce zucca e amaretti (senza burro)

Un dolce di una bontà unica, soffice e profumata la si può proporre a fine pranzo, a fine cena a colazione o a merenda sarà sempre un successo

Ti piacerà anche questa:

Torta soffice con zucca pistacchi e gocce di cioccolato

Ingredienti:

200 gr di zucca tagliata a dadini

200 gr di farina 00

130 gr di zucchero

1 bustina di lievito per dolci

gocce di cioccolatao q.b.

1 arancia la scorza

100 gr di amaretti

2 uova

tortiera a cerniera cm 20

Preparazione:

Tagliamo la zucca a dadini e frulliamola fino ad ottenere un crema, in una ciotola lavoriamo i tuorli con lo zucchero dovranno diventare chiari e spumosi, in un’altra ciotola montiamo gli albumi a neve e uniamoli al composto di uova mescolandoli dal basso verso l’alto in modo da non far smontare gli albumi. Setacciamo la farina insieme la lievito e uniamolo al composto, grattugiamo la scorza dell’arancia e uniamo anche questa insieme alla polpa di zucca e mescoliamo. Sbricioliamo gli amaretti grossolanamente e uniamo anche questi insieme alle gocce di cioccolato, mettiamone a seconda dei gusti senza esagerare, amalgamiamo il tutto e versiamo il composto ottenuto nella tortiera da 20 cm con bordo a cerniera.

Forno a 180° per 35 minuti.

Alici imbottite al forno in crosta di pistacchi

Che sia fritto, in umido, arrostito o in zuppa il pesce è sempre buono, quello azzurro in particolare fa bene alla salute perchè ricco di minerali, ferro vitamine e altro, inoltre lo si può preparare in tanti modi, la mia ricetta è prettamente calabrese con un tocco di sicilianità.

Ingredienti:

600 gr di alici fresche

200 gr di pangrattato

100 gr di grana grattugiato

1 spicchio di aglio

prezzemolo q.b.

timo q.b.

farina q.b.

2 uova

olio extravrgine di oliva q.b.

sale e pepe q.b.

q.b.di granella di pistacchi

Preparazione:

Puliamo le alici apriamole a libro cercando di far rimanere unite le due metà, laviamole e asciughiamole con della carta assorbente da cucina. In una ciotola mettiamo il pangrattato, il grana, il prezzemolo e il timo tritato, lo spicchietto d’aglio sminuzzato, un filo d’olio e regoliamo di sale e pepe, mescoliamo il tutto e prepariamoci la farina, le uova battute e il pistacchio. Disponiamo una cucchiaiata di impasto sulle alici e copriamo con l’altra metà facendole aderire bene, passiamole nella farina, nell’uovo battuto e infine nella granella di pistaccio. Copriamo di carta forno una teglia e diponiamo le alici una accanto all’altra, irroriamo con un filo d’olio e inforniamo a 180° per 15/20 minuti a seconda del forno.

Serviamole con del buon vino bianco fresco.

Tortine agli amaretti

Profumati e morbidi…vanno a ruba !

Ingredienti:

100 gr di burro a pezzi

100 gr di farina per dolci

75 gr di amaretti

100 g di zucchero semolato

2 uova

10 gr di cacao amaro in polvere

100 gr di latte

1/2 di lievito per dolci

pirottini di carta

Preparazione:

Con l’aiuto di un mixer polverizziamo gli amaretti, inseriamoli in una ciotola e uniamo il burro, la farina, lo zucchero, le uova e li latte lavorimo il tutto con una frusta, quando risulterà bello spumoso è pronto. Aiutandoci con un mestolino trasferimo il composto nei piottini di carta ricordandoci i non riempirli oltre 1/3, adagiamoli in uno stampo per muffin in modo tale da non perdere la forma. Cuociamo le tortine nel forno preriscaldato a 180° per 20 minuti circa.

Io li ho prepararti con il Bimby (Torte di casa) ma si possono preparare a mano o con qualsiasi altro robot da cucina.

Fittelle di zucchine facili e saporite (finger food)

Si preparano velocemente e spariscono velocemente per la loro bontà, ottime come antipasto finger food o come secondo e possiamo gustarle sia fredde che calde, ingredienti semplici che ci ritroviamo sempre in frigo.

Ingredienti:

2 zucchine grandi

2 uova

40 gr di parmigiano grattugiato

40 gr di pecorino grattugito (volendo solo 80 gr. di parmigiano)

200 gr di farina 00

50 gr di scamorza grattugiata o altro formaggio gradito

basilico q.b

sale e pepe q,b,

olio di semi di arachidi per friggere

Preparazione:

Laviamo e spuntiamo le zucchine e grattugiamole, saliamole e teniamole un pò a perdere la loro acqua di vegetazione, poi strizziamole e uniamo gli ingredienti , le uova i formaggi grattuggiati e infine la farina, il basilico spezzettato e regoloiamo di sale se necessarrio, completiamo con una generosa spolverata di pepe nero, mescoliamo il tutto con una forchetta, per quanto riguarda la farina potrebbe volercene di più o di meno a seconda della consistenza del composto, deve risultare cremoso. In una padella scaldiamo l’olio e quando sarà bollente con di un cucchiaio versiamo un pò di composto in modo da formare la classica frittella, facciamole dorare da ambo i lati e lasciamole scolare su della carta per fritti.

Polpette di melanzane alla siciliana

Mia suocera le preparava sempre e andavano a ruba, sono come le nostre polpette calabresi, ma l’uvetta e i pinoli gli danno con tocco siciliano che cambia un pò il gusto, sono morbide dentro e croccanti fuori, se intinte nella salsa di pomodoro in loro gusto si triplica.

Ingredienti:

3 melanzane medie nere e lunghe

mollica di pane sbriciolata q.b.

1 uovo

100 gr di pecorino grattuggito ( va bene anche il parmigiano o metà e metà)

prezzemolo q.b.

basilico q.b.

1/2 spicchio di aglio

una manciata di uvetta

una manciata di pinoli

sale e pepe q.b.

olio di semi di arachidi per friggere

salsa di pomodoro q.b.

Preparazione:

Laviamo le melanzane e adagiamole sulla placca del forno ricoperta da carta forno ecuociamole una mezz’ora circa, fino a quando saranno cotte, sbucciamole e tagliamole a tocchetti, cerchiamo di togliere via l’acqua,prepariamo la mollica di pane fresco sbriciolata o possiamo usare il pane bianco a fette che troviamo nei supermercati, quindi in una ciotola versiamo la polpa delle melanzane ben schiacciate, il pane q.b., l’uovo, il pecorino grattuggiato, il prezzemolo, il mezzo spicchio di aglio spezzettato, basilico e prezzemolo tritati, uvetta, pinoli e regoliamo di sale e pepe, lavoriamo il tutto con le mani e cerchiamo di ottenere un composto sodo ma morbido, Prepariamo le polpette dando loro la forma che più ci piace e teniamole in frigo per almeno mezz’ora, l’impasto cosi si rassoderà. Nel frattempo prepariamo una salsina di pompdoro al basilico dove intingere le polpette, avranno una nota in più. Friggiamole nell’olio ben caldo e serviamole subito, sono buone anche il giorno dopo e ideali per un pic nic.

Pastiera napoletana con crema pasticcera

La Pastiera napoletana è un dolce buonissimo della Regione Campana, morbido e profumato una vera delizia che allieta la nostra tavola Pasquale, simbolo di rinascita si preparara il giovedì Santo…semplicemente Fantastica.

Ingredienti:

Per la frolla:

350 gr di farina 00

150 gr di fecola di patate

200 gr di zucchero semolato

250 gr di burro a pezzetti

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

1 pizzico di sale

3 tuorli

1 uovo intero

Per il ripieno:

350 gr di grano cotto

150 gr di latte

1 noce di burro

350 gr di ricotta di pecora

2 fialette di fiori d’arancio

3 uova intere

1 pizzico di sale

200 gr di zucchero semolato

200 gr di crema pasticcera

80 gr di buccia candita di arance

1 arancia la scorza grattugiata

1 limone la scorza grattugiata

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

Preparazione:

Per prima cosa prepariamoci la crema pasticcera e teniamola da parte se vuoi la ricetta la trovi

Crema pasticcera alla vaniglia

Prepariamo la frolla, uniamo le due farine e mescoliamole, formiamo la fontana e inseriamo al centro lo zucchero, il sale, i tuorli, l’uovo intero la vaniglia, il pizzico di sale e la scorza del limone e il burro a pezzetti e lavoriamo fino ad ottenere un impasto uniforme, teniamola in frigo fino all’utilizzo.

Prepariamo il ripieno: in un pentolino versiamo il grano, il latte, la noce di burro e il pizzico di sale., mettiamo sul fuoco e facciamo ammorbidire, una volta pronto lasciamolo raffreddare. In una ciotola mettiamo la ricotta setacciata, lo zucchero e mescoliamo, la crema pasticcera, l’arancia candita, il grano raffeddato e le uova sbattute, mettiamo anche i fiori d’arancio, l’estratto di vaniglia e la scorza gattugiata di una arancia e di 1 limone, amalgamiamo il tutto. Stendiamo la pasta frolla in una tortiera conservandoci un pò di pasta per le strisce, riempiamola con la crema ottenuta e decoriamola con le strisce di frolla rimaste formando dei rombi.

Inforniamo a 170° per circa 60 minuti.